Stemma Comune di Martina Franca
COMUNE DI MARTINA FRANCA
Bandiera Unione Europea
Posta Elettronica Certificata
PEC
Canale YouTube Comune di Martina Franca
Galleria fotografica Comune di Martina Franca
Twitter Comune di Martina Franca
Facebook Comune di Martina Franca
Italian Arabic Chinese (Traditional) Danish Dutch English Finnish French German Hindi Indonesian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Russian Spanish Swedish Turkish

Precisazioni concessione del patrocinio per il convegno organizzato dal "gruppo medjugorie"

Logo Comune

In merito alle polemiche riguardanti la delibera di Giunta comunale del 21/04/2016 n.216, avente come oggetto "Concessione patrocinio e utilizzo sala consiliare al gruppo Medjugorie", si precisa quanto segue.

 

 

 

Martina Franca, 23 aprile 2016

Lo scorso 14 aprile la legale rappresentante del "Gruppo Medjugorie" ha presentato una regolare richiesta di concessione del patrocinio e utilizzo della Sala Consiliare di Palazzo Ducale per luned√¨ 25 aprile, per l'incontro "Gi√Ļ le mani dai bambini e dai ragazzi" sul tema della famiglia, libert√†¬†educativa e ideologia gender, con un intervento dell'avvocato Gianfranco Amato, presidente nazionale dell' Associazione "Giuristi per la vita".

Il criterio utilizzato dall' Amministrazione Comunale, in questi anni, nella concessione delle sale Comunali e del patrocinio ( atto che rappresenta un riconoscimento simbolico) è stato sempre quello di non entrare nel merito dei contenuti, esprimendo giudizi o valutazioni di parte, ma di garantire, SEMPRE, la libertà di espressione, così come sancito dalla Costituzione italiana, con il preciso obbiettivo di fare di Martina Franca una città libera e aperta a tutte le voci.

Un criterio non scelto a caso, ma che si ispira proprio all'art. 21 della Costituzione che dice "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione".

Tale diritto non rappresenta una mera enunciazione di un principio, ma individua nella libertà di parola una portata amplissima, assegnando la titolarità del diritto a tutti, nessuno escluso, e non solo a quei cittadini con cui si condivide un principio comune.

Il rispetto dell'art. 21, perciò, non consente quindi di fare differenziazioni di sorta, tranne, naturalmente, quando non siano rispettate le leggi dello Stato; ma, a tal proposito, si sottolinea che dall'oggetto del convegno non si evincono violazioni di leggi dello stato e che gli stessi proponenti sono incensurati.

Diversi orientamenti e criteri invocati, in questi giorni, si possono prefigurare come una preventiva limitazione della libertà di manifestazione di pensiero, mortificando il senso di una comunità aperta, libera, inclusiva che ha le carte in regola per promuovere convegni, dibattiti, incontri, in cui ciascuno può esprimere il suo punto di vista, senza ledere la dignità altrui.

Si osserva che quando si respinge, preventivamente, la libera espressione e la manifestazione delle proprie idee, si corre il rischio di incarnare una idea di stato autoritario (e persino totalitario) che è stato cancellato dalla Liberazione.

A quanti hanno chiesto, di non far celebrare l'incontro il 25 aprile (Festa della Liberazione dalla dittatura fascista) ma in un'altra data dell'anno, si precisa che non è compito dell'Amministrazione Comunale stabilire quando celebrare i convegni.

Tra l'altro, negare l'utilizzo delle sale comunali e la concessione del patrocinio utilizzando un criterio diverso da quello stabilito in questi 4 anni, unicamente per la data del 25 aprile, può rappresentare, forse, una contraddizione con i principi di libertà e apertura che sono ispiratori di questa Amministrazione comunale, nonché della stessa Festa della Liberazione.

L'Amministrazione comunale, ovviamente, rispetta il parere di tutti e considera, comunque, le critiche ricevute riguardo questa scelta come una opportunità di arricchimento e crescita culturale, non ritenendosi depositaria della verità assoluta.